venerdì 30 novembre 2007

Sarà difficile rendere in un post la riconoscenza nei confronti delle persone che mi hanno dato la generosa opportunità di presentare la mia piccola realtà anche in terra toscana: Caterina e Simone, squisiti padroni di casa de La Tana degli Orsi di Pratovecchio.

Di serate e degustazioni ormai ne ho fatte svariate, ma raramente sono stata accolta con tanto calore e sincera amicizia.
Oltre a ciò, il menù è stato ottimo e curato con passione - e per fortuna che Simone non cucina mai pesce... ;-) - i partecipanti alla serata simpatici ed interessati e il Casentino una piacevolissima scoperta.

Gli ultimi sprazzi di colore di quest'autunno ormai agli sgoccioli hanno sorprendentemente impresso nella mia memoria questo territorio ancora poco conosciuto dal turismo di massa; montagne, boschi e pittoreschi paesini uniti ad una ristorazione di alta qualità e ad una popolazione schietta e cordiale rendono il Casentino una meta davvero da valorizzare.

Caterina accoglie i primi avventori

Chi ben comincia...Il fantastico tortino di rana pescatrice

La serata si anima, complici i piatti stuzzicanti e le sfaccettature del Soave Classico

6 commenti:

Anonimo ha detto...

sono contenta che sia andato tutto bene...e ovviamente orgogliosa dell'accoglienza dei miei "compatrioti"! :-)

ciao, Susi

val ha detto...

cara Susi, allora sei toscana!!! ne avevo il sospetto!
un abbraccio

Blog&Wine ha detto...

Per fortuna almeno il Casentino sta rimanendo un po’ intatto!
Per te che piace la montagna, l’ideale sarebbero le tante escursioni con le ciaspe che si possono fare da quelle parti… ;-)
A presto!

Mirco

val ha detto...

@Mirco: sto infatti contando i giorni che mancano alla partenza per la Val Pusteria, dove tra sci di discesa, di fondo e passeggiate mi sfogherò! ;-)

Blog&Wine ha detto...

dai! sono stato quest'estate in valle Aurina, ne parlato anche sul blog:
http://blogewine.blogspot.com/2007/08/degustazione-in-quota.html
sei mai stata a sciare a Csmpo Tures?
un'ottima alternativa quando a Plan de Corones c'è il pienone... per il fondo invece è molto bello Anterselva..
ciao ciao

val ha detto...

Sono stata in un maso a campo tures lo scorso anno, a Natale! E conosco molto bene Anterselva perchè da anni bazzico la Val Casies, che tra l'altro ti consiglio sia per il fondo che per le escursioni: è uno spettacolo!!

Vedi quant'è piccolo il mondo?! ;-)