lunedì 15 ottobre 2007

L'autunno e cibi della memoria

Tutti noi abbiamo dei sapori che più di altri hanno il potere di risvegliare i ricordi; cibi legati all'infanzia, ad un momento particolarmente felice, alla compagnia di persone care.


Molti dei miei cibi-feticcio, ad esempio, sono in qualche modo legati all'autunno, una stagione che amo proprio per quella dolce malinconia che porta con sè.

Vi ho già raccontato nel meme della mia passione per le castagne (ieri ne ho fatto una scorpacciata tra l'altro), Questi piccoli frutti, nella loro semplicità, mi riportano istantaneamente alla tenerezza di mia nonna.


Decisamente più insolito vi sembrerà il mio legame con le carrube, che ormai riesco purtroppo a scovare solo in pochi negozi biologici; e per di più a prezzi da gioielleria.
Ho imparato ad apprezzare il loro sapore dolce, ma di una dolcezza naturale, grazie a mia madre; ricordo bene che per incuriosirmi descriveva la carruba come "la cioccolata di quand'era bambina" e di solito me ne comperava un sacchettino dagli ambulanti in occasione del ponte dei morti. Le vendevano infatti nei pressi dei cimiteri, insieme alle immancabili caldarroste.


Sempre a quel periodo risale la nascita di un altro sapore-cult: la patata dolce (batata o patata americana). Mia nonna la lessava a lungo, la sbucciava e a merenda me la tagliava a fettine, a volte spolverandola di cannella macinata.


Ah, che nostalgia.






4 commenti:

Blog&Wine ha detto...

Ciao!
Un film che parla anche di questi aspetti è senz'altro "La neve nel bicchiere" di Florestano Vancini, girato qui dalle mie parti. Il titolo è dato dalla pratica di aggiungere la famosa Saba (...) alla neve d'inverno per farne una specie di gelato, ma soprattutto per avere un po'di calorie "nobili" per i bambini nelle giornate più fredde...
Allora ti confermo che verrò sabato a Villa Favorita, così me ne porterò dietro un boccettino... ;-)
A presto!

M.

val ha detto...

Curiosa questa versione povera della granita: devo proprio provare allora la vostra Saba!
A presto

Anonimo ha detto...

Anch'io adoro il sapore delle carrube, mia nonna le regalava a noi nipoti proprio per Ognissanti..

Susi

val ha detto...

@Susi: ciao! come stai? spero sia andato bene il tuo weekend enoico in quel di Termeno...